FOCUSRITE ISA 430 MKII PRODUCER PACK

I due channel strip FOCUSRITE ISA 430 MKII disponibili presso l'Alar's Recording Studio di Simonazzi Federico. Utilizzabili sia per la registrazione di sorgenti microfoniche, chitarre, bassi elettrici, synth, sia per il reamp e il mixaggio OTB grazie al link stereo dei processori di dinamica.

La serie ISA (Input Signal Amplifier) dell’Inglese Focusrite ricalca il design senza compromessi adottato nei moduli della console progettata nel 1985 da Rupert Neve e Trevor Stride per George Martin degli Air Studio, nonché produttore dei Beatles. L’ISA 430 Mk II, disponibile in coppia presso l'Alar's Recording Studio, è il processore in classe A più sofisticato della serie, un channel strip completo di un preamplificatore, un EQ, un compressore VCA/ottico, un expander/gate, un de-esser e un soft limiter. I circuiti di preamp ed EQ derivano dall’ISA110, mentre il modulo di dinamica impiega la circuitazione VCA dell’ISA130 concepita da Trevor Stride. Tutti questi stadi sono stati oggetto di miglioramenti e ammodernamenti rispetto ai progetti originali, basti pensare all’introduzione del Vintage Comp (Opto), al wet/dry per la compressione parallela e ai vari punti di insert. Esteticamente il 430 MKII si presenta sotto forma di rack dall’ingombro di due unità, profondo 25cm e dal peso di 7KG, con 28 potenziometri e 49 pulsanti sul pannello frontale per un’ottantina di controlli in totale, e un cospicuo numero di ingressi e uscite nel pannello posteriore che fanno presagire un’estrema versatilità di utilizzo, non sempre accessibile nei prodotti omologhi.

Sito Web del produttore: Focusrite.com
Per info/acquisto dell’ISA 430MKII: clicca qui
Scopri i nostri corsi: clicca qui
Servizi dell’Alar’s Recording Studio: clicca qui

INGRESSI & PREAMPLIFICATORE
Il Focusrite ISA 430 Mk II è equipaggiato di un preamplificatore microfonico basato sull’iconico trasformatore d’ingresso Lundahl LL1538, con impedenza variabile dall’utente in un range dai 600 ai 6800 Ohm tramite un selettore a pulsante. Le configurazioni di impedenza disponibili sono “Low” (600 Ohm), l’originale “ISA 110” (1400Ω), “Med” (2400Ω) e “High” (6800 Ohm); quella in uso viene indicata dall’accensione del rispettivo LED di colore rosso. L’impedenza configurabile dall’utente sull’ingresso microfonico deriva da un progetto più recente di casa Focusrite, l’ISA428, e consente di adattare per fini “tecnici” o “artistici” (differenti sfumature sonore) lo stadio di preamplificazione alle differenti tipologie di microfoni, moderni o vintage, nastro o condensatore, disponibili negli studi di registrazione professionali. Per quanto riguarda gli ingressi, nel pannello posteriore del 430MKII vi sono una presa XLR per microfono, un’altra, sempre XLR, per sorgenti Line e una Jack da 1/4” Instrument (Hi-z). Quest’ultima la troviamo duplicata anche sul pannello frontale: connettendo una chitarra o un basso a questa frontale si annullerà automaticamente quella posteriore. La selezione dell’ingresso dal quale prelevare la sorgente da processare avviene mediante un tasto affiancato da tre lampadine di colore rosso (Mic, Line, Inst) che segnaleranno la selezione effettuata. Rispetto alla precedente versione MK1 del 430, nell’MKII l’ingresso Line confluisce anch’esso nel trasformatore. Qualora si richiedesse la sola pura preamplificazione, oppure si volesse registrare contemporaneamente sia il segnale processato dall’intera catena,  sia quello soggetto al solo stadio di preamp per la massima trasparenza, si segnala che nel retro dell’ISA430 MKII è presente l’uscita XLR “Post Mic Output” che preleva il segnale della sorgente connessa subito dopo il preamp. Per quanto riguarda il guadagno troviamo una coppia di potenziometri: GAIN e TRIM. Il primo opera a scatti corrispondenti a step da 10dB, il secondo è invece continuo, per un ulteriore guadagno di max 20dB sugli ingressi Line e Mic, mentre sull’ingresso HiZ (Instrument) funge da unico controllo di guadagno nel range da +10 a +40dB; in quest’ultimo caso il potenziometro GAIN non è attivo. Il range del potenziometro GAIN varia a seconda dell’ingresso selezionato, per l’ingresso microfonico abbiamo due differenti range selezionabili da un apposito pulsante: da 0 a 30dB e da 30 a 60dB. Quando tale pulsante è innescato (acceso), il potenziometro GAIN opera in modalità High-Gain, ovvero nel range 30/60dB. Sulle sorgenti connesse all’ingresso Line disponiamo di un guadagno da -20dB a +10dB (GAIN), oltre agli ulteriori 20dB (TRIM). Immancabili i pulsanti per l’attivazione dell’alimentazione Phantom (+48V) e per l’inversione di fase (Phase). Dal Twin Trak Pro appartenente alla serie Platinum, la Focusrite ha preso spunto per un'altra funzione presente in questa versione MKII del 430, che non era disponibile nella MK1: il pulsante “Air”. In pratica, attivandolo aggiungeremo un’aura al materiale audio in ingresso, un particolare senso di apertura sulle alte frequenze dovuto all’incremento della risonanza sulle alte frequenze del trasformatore innescata da un circuito ad induttanza parallela. Ecco spiegata la differenza rispetto al Twin Trak Pro nel quale si impiegava invece un circuito di emulazione del trasformatore.

Sito Web del produttore: Focusrite.com
Per info/acquisto dell’ISA 430MKII: clicca qui
Scopri i nostri corsi: clicca qui
Servizi dell’Alar’s Recording Studio: clicca qui

L’EQUALIZZATORE DELL’ISA 430 MKII
Lo stadio di preamplificazione così come l’equalizzatore di questo channel strip sfruttano il circuito del modulo ISA 110, che a sua volta si ispirava al mixer A7971 progettato nei primi anni ‘80 da Rupert Neve sui suggerimenti di George Martin e del suo tecnico del suono Geoff Emerick. La sezione di equalizzazione del Focusrite ISA 430 MKII si articola in tre moduli: filtri, parametrici e shelving. Su ciascun modulo troviamo tre pulsanti retroilluminati: “In”, per l’attivazione/bypass, “Comp” e “Gate” per utilizzarli sul segnale side-chain dei rispettivi processori di dinamica. Attivando uno di questi tre pulsanti, gli altri due saranno disattivati automaticamente. Il pulsante “All EQ” ci consente di attivare/disattivare l’intera catena di filtri ed eq, cioè tutti e tre i moduli, per ascoltare il segnale pulito (non processato, flat) senza dover necessariamente disattivare i singoli pulsanti “IN”. I due filtri hanno una pendenza di 18dB per ottava (3 poli) e il punto di roll-off può essere impostato tra i 400Hz e 22kHz per il passa basso, dai 20 ai 1600Hz per il passa alto. Vista l’estensione, l’uso congiunto di entrambi i filtri può tornare utile per una configurazione passa banda, la quale può essere utilizzata sul side-chain del compressore al fine di comprimere un determinato range di frequenza (dynamic Eq). Le due bande parametriche centrate sulle medio basse e le medio alte dispongono dei canonici potenziometri per l’impostazione della frequenza, guadagno (+/-18dB) e campanatura (Q). Per quanto riguarda le medio-basse il range coperto dal parametrico va dai 40 ai 400Hz, oppure dai 120 ai 1200Hz attivando lo switch “X3”; quello sulle medio-alte opera invece dai 600Hz ai 6kHz, o dai 1800 ai 18000 se si attiva il modo “X3”. Le due bande shelving sono aggiuntive rispetto all’EQ presente nel modulo ISA 110 e consentono una maggior versatilità di intervento, senza intaccare le caratteristiche peculiari del circuito. I controlli in questo caso sono tre per ciascuna banda, un selettore rotativo a 4 posizioni, per l’impostazione del punto di intervento (frequenza), un pulsante “Hi Range” e un Gain rotativo +/-18dB. Lo shelving sulle basse è impostabile a 20, 56, 160 o 460Hz, oppure a 33, 95, 270 e 655Hz innescando la funzionalità “Hi Range”. Quello sulle alte, nella modalità standard è configurabile sui 1500, 3300, 6800 o 15kHz; attivando, invece, l’Hi Range: 2.2, 4.7, 10 o 18kHz.

Sito Web del produttore: Focusrite.com
Per info/acquisto dell’ISA 430MKII: clicca qui
Scopri i nostri corsi: clicca qui
Servizi dell’Alar’s Recording Studio: clicca qui

IL COMPRESSORE DEL FOCUSRITE ISA 430 MKII
Compressore ISA 430MKIILa sezione dinamica di questo channel strip include un compressore, un expander/gate VCA e un de-esser ottico. Rispetto al circuito originale del 130 e della versione MK1 del 430, nell’ISA430 MKII troviamo due circuiti di compressione selezionabili dall’utente: la classica VCA in classe A e una ottica “vintage” configurabile eventualmente anche in modalità Limiter con tempi di attacco e rilascio prefissati. La sezione di dinamica opera di default in modo post-EQ ed è eventualmente configurabile in pre-Eq, oppure in “Post-Sum”, che corrisponde a posizionarla subito dopo l’ingresso EXT SUM/ADC (ma prima del limiter) per consentire di processare il segnale ad esso collegato. Il pulsante Listen ci permette di ascoltare e monitorare visivamente sul VU Meter il segnale di side-chain, ovvero quello che supererà effettivamente la soglia dando origine alla compressione/limitazione. L’utilità di questa funzione è palese: potremo filtrare al meglio ovvero far emergere determinati range di frequenza o elementi da sottoporre ad una compressione mirata. Come abbiamo visto in precedenza, ogni singolo modulo della sezione di equalizzazione può essere applicato sul segnale side-chain. In più, premendo il tasto “Ext Key” possiamo utilizzare una sorgente esterna connessa all’ingresso jack “COMP KEY INPUT” presente nel pannello posteriore, la quale si sostituirà al segnale di trigger (Key) di default (sorgente in ingresso nel pre). Questo torna utile per tecniche di compressione particolari, come il ducking, oppure per usare la sezione di compressione del 430MKII come un secondo De-Esser. Il sidechain esterno non è disponibile quando si attiva il modo Vintage, dato che la topologia del suo circuito ottico usa un side-chain interno di tipo feed-back prelevato a valle, al contrario di quello VCA di tipo feed-forward che usa come side-chain quello ricevuto nell’ingresso del compressore, cioè prelevato a monte. Altra differenza rispetto alla versione MK1, è la presenza del pulsante “Blend” che attiva l’adiacente potenziometro “Mix” utile a miscelare il segnale compresso con quello originale “non compresso” per dare vita alla cosiddetta compressione parallela. Presa in prestito dall’ISA220, questa modalità di processing permette di rispristinare la dinamica, quindi i transienti di attacco originali, eccessivamente ammorbiditi dalla compressione per dar vita ad un suono corposo e allo stesso tempo “dinamico”. Prestate attenzione perché il modulo Expander/Gate risentirà naturalmente dell’uso questa funzione, dato che viene reintrodotto il segnale originale. I controlli disponibili nel modulo Compressore sono:

  • Threshold: da -28 a +12dBu sia per modo VCA, sia in Opto;
  • Ratio: 1.5:1/10:1 in VCA; Vintage Comp5:1/5:1; Vintage Limiter 5:1/20:1
  • Attack: da 100 microsecondi a 100 millisecondi (solo VCA)
  • Release: da 100 ms a 7 secondi (solo VCA), con opzione “Auto”
  • Make-up Gain: +20dB (max)
  • Knee: Soft in VCA e Vintage Comp; Hard in Vintage Limiter

Collegando un cavo bilanciato con connettori jack “TRS” da ¼ alla presa “Dynamic Link” è possibile collegare le sezioni di dinamica di due unità ISA 430MKII per operare in modalità stereo. Dato che il compressore sfrutta la punta e il gate l’anello del TRS, all’occorrenza si potrà utilizzare un cavo mono (con jack TS) per il link del solo compressore, oppure un cavo con un solo conduttore saldato al contatto dell’anello del jack per linkare il solo gate. Quando due ISA 430 operano in link, quello che avrà un valore del controllo di voltaggio di maggiore intensità diventerà il master. Ad esempio, portate il potenziometro Ratio al minimo e Threshold al massimo nell’unità che volete usare come “Slave” per poi dall’unità “Master” procedere alle regolazioni di compressione a voi utili. È possibile usufruire della configurazione stereo anche se si possiedono un 430 MKI e un 430 MKII; l’unica differenza è che il “link” funzionerà solo se il compressore è settato nel modo VCA.

Sito Web del produttore: Focusrite.com
Per info/acquisto dell’ISA 430MKII: clicca qui
Scopri i nostri corsi: clicca qui
Servizi dell’Alar’s Recording Studio: clicca qui

IL GATE/EXPANDER DEL FOCUSRITE ISA 430 MKII
Il modulo Expander/Gate, che di default opera come Gate eventualmente configurabile come Expander premendo il tasto dedicato, si presenta con quattro potenziometri rotativi: Range (da 0 a 80dB), Threshold (da +10dB a -40dB), Hold (da 20ms a 4s) e Release (da 0.1 a 5secondi). Vi sono poi i pulsanti Bypass, Listen, per ascoltare il side-chain (il solo della parte di segnale che verrà esclusa), External Key, per prelevare un segnale esterno connesso all’ingresso jack “Gate Key Input” da utilizzarsi come sidechain per il Gate, Fast Attack e quello Hysteresis dedicato all’attivazione di una particolare modalità di intervento che previene lo spiacevole effetto di intermittenza, ovvero consente di ottimizzare la risposta del gate sui segnali dal decadimento lungo. Vi sono poi 5 led per visualizzare in tempo reale la riduzione di gain applicata.

IL DE-ESSER DEL FOCUSRITE ISA 430 MKII
Non si tratta di un comune de-esser, ma di una tecnologia proprietaria di Focusrite che unisce un circuito ottico per l’analisi del segnale all’annullamento per interferenza distruttiva (inversione di fase sul segnale side-chain), che si traduce in pratica in un intervento più chirurgico sulle frequenze selezionate rispetto al classico de-esser basato sulla compressione. Questo modulo opera con un Ratio fisso di 2:1 e dispone dei due potenziometri dedicati rispettivamente alla selezione della frequenza di intervento (dai 2200 ai 9200Hz) e all’impostazione della soglia. Quest’ultimo offre un intervento inversamente proporzionale al valore impostato: più basso è il valore più importante sarà l’attenuazione. Il range del Threshold va dai -20 ai +10dB. Il tasto Listening ci consentirà di attivare l’ascolto del solo segnale filtrato e di visualizzare contestualmente il livello del medesimo nel VU Meter, mentre quello “In” consente di attivare o bypassare il De-esser.

Sito Web del produttore: Focusrite.com
Per info/acquisto dell’ISA 430MKII: clicca qui
Scopri i nostri corsi: clicca qui
Servizi dell’Alar’s Recording Studio: clicca qui

IL SOFT LIMITER
Risulta poco appariscente tra i numerosi controlli, ma il pulsante “Soft Limiter” può tornare molto utile. Basato sullo stesso circuito ottico impiegato nell’ISA428, questo limitatore, dai tempi di attacco e rilascio pressoché immediati, rappresenta un ottimo alleato nelle registrazioni digitali quando si utilizza la scheda di conversione AD 430 MKII (opzionale) visto che evita l’overload (clip). In più, dato che impedisce il superamento dei +22dBu sull’uscita analogica, lo si potrà sfruttare anche nella processazione analogica, ad esempio nel mixaggio degli STEM o, perché no, avventurandoci anche nel mastering. Il Soft Limiter ha una soglia presettata a -6dBFS (+16dbu) con un Ratio ad incremento graduale da 1.5:1 a infinito. Per Ratio ad incremento graduale si intende che mano a mano che si supera la soglia di tot dB, il Ratio diventerà sempre più aggressivo:

  • Da -6dBFS a -4dBFS: Ratio 1.5:1
  • Da -4dBFS a 0dBFS: Ratio 2:1
  • A 0dBFS: Ratio infinito:1

SEZIONE OUTPUT
La sezione di uscita ospita due controlli di volume, quello “Output” per regolare il livello del segnale in uscita verso il connettore “MAIN” (da -60 a +6dB) e quello “Ext Level” per regolare il livello della sorgente connessa all’omonimo ingresso integrabile nel percorso del segnale premendo il pulsante “Et Sum”. Abbiamo poi il pulsante “Mute”, che azzittisce tutto, tranne che insert/send e uscita digital output, e l’utilissimo “Bypass”, che disattiva tutte le sezioni di eq e dinamica per eventuali ascolti e comparazioni A/B con il segnale “non processato”.

I METER
Sulla sinistra del pannello fa bella mostra di sé l’ampio VU Meter configurabile in due differenti range, in modo che lo 0VU rappresenti +4dBu oppure -18dBu nella lettura del segnale in ingresso. A seconda della selezione effettuata con il pulsante “Meter Source”, sul VU Meter possiamo visualizzare: il segnale in ingresso nel pre (Input), quello ricevuto negli ingressi Insert/Return 1 e 2, oppure il Gain Reduction applicato (Comp). Come accennato durante l’illustrazione dei vari moduli di dinamica, premendo i rispettivi tasti “Listen” potremo visualizzare automaticamente sul VU Meter il segnale side-chain di compressore, gate o de-esser. Il led “Audio O/L” ci segnalerà eventuali overload cominciando ad illuminarsi al superamento dei +20dBu (o quando si supera la soglia dei 6dB pre-clip). Come prassi con questi segnalatori, dovremo evitare che questo led si illumini in modo fisso quindi all’occorrenza ridurre il livello del segnale in ingresso. Sulla destra dell’unità troviamo due barre verticali da 11 LED, rispettivamente dedicate al monitoraggio del segnale in uscita e di quello in ingresso. In alternativa, premendo i pulsanti “ADC 1 e 2” su questi meter sarà possibile visualizzare il segnale della sorgente collegata negli ingressi omonimi, ovvero quello che stiamo inviando verso i convertitori della scheda AD 430 MKII opzionale. Il range coperto da questi meter va da -42 a 0 dBFS, pari a -20/+22dBu. Il Led Output preleva il segnale a valle del potenziometro output e del soft limiter; lo stesso vale quando si attiva la visualizzazione di “ADC 1” e “ADC 2”. Quello Input, invece, visualizza il segnale post-pre, prima che entri nell’equalizzatore per intenderci. 

Sito Web del produttore: Focusrite.com
Per info/acquisto dell’ISA 430MKII: clicca qui
Scopri i nostri corsi: clicca qui
Servizi dell’Alar’s Recording Studio: clicca qui

CARD OPZIONALE PER CONVERSIONE A/D
Il channel strip Focusrite ISA 430MKII dispone di uno slot per l’inserimento della scheda opzionale AD 430 MKII per la conversione da analogico a digitale. Questa scheda, acquistabile a parte e compatibile anche con il pre ISA ONE di Focusrite, provvede alla conversione in digitale a 192kHz/24bit del segnale audio processato dal channel strip (canale sinistro dell’ADC) e dell’uscita diretta subito dopo lo stadio di pre (canale destro dell’ADC). In più, è possibile utilizzarla come convertitore analogico/digitale nelle seguenti modalità:  

  • Con i pulsanti ADC 1 acceso e quello ADC 2 spento: il segnale connesso all’ingresso ADC 1 sostituisce quello in ingresso nel pre del 430MKII proponendosi sul convertitore del canale sinistro. Sul canale destro rimane il segnale post-pre non processato come nella configurazione di default.
  • Tasti ADC 1 spento e ADC 2 acceso: qualsiasi segnale connesso all’ingresso Mic, Line o Instrument arriva processato sul canale sinistro. Il segnale in ingresso nel connettore ADC 2 arriva invece al convertitore del canale destro. In questo caso si potrebbe connettere l’uscita di un eventuale secondo rack 430MKII per operare in modo stereo digitale.
  • Accendendo entrambi i pulsanti ADC Input 1 e 2: l’unità opera come convertitore A/D (stereo o dual mono) per le sorgenti connesse agli ingressi XLR ADC 1 e 2.

Grazie alle varie uscite disponibili, il segnale convertito può essere inviato verso ingressi digitali nei seguenti formati: S/PDIF e ADAT ottici, S/PDIF coassiale e AES/EBU accessibili però mediante un connettore D-Sub a 9 pin che richiede appositi cavi non forniti di in dotazione. La scheda AD 430 MKII è fornita anche di connettori BNC di ingresso e uscita per la sincronizzazione Word Clock (internal, external ed external x256 Super Clock). La scheda di conversione A/D può operare con sample rate a 44.1, 48, 88.2, 96, 176.4 oppure 192kHz e alle seguenti risoluzione in bit: 16, 20 e 24. L’uscita ADAT supporta il modo SMux a  96kHz e quella AES-EBU è configurabile in modalità single e dual wire per sample rate fino a 192kHz. Tutte queste impostazioni sono applicabili dall’utente nell’area del pannello adiacente alla sezione “Output”.

Sito Web del produttore: Focusrite.com
Per info/acquisto dell’ISA 430MKII: clicca qui
Scopri i nostri corsi: clicca qui
Servizi dell’Alar’s Recording Studio: clicca qui 

CONCLUSIONI
Il FOCUSRITE ISA 430 MKII è senza dubbio uno dei channel strip più versatili presenti in commercio, ogni sezione può essere utilizzata in cascata, oppure in modo indipendente utilizzando gli ingressi e le uscite dirette presenti nel pannello posteriore. Proviamo a pensare ad un’applicazione in un contesto live, dove il pre può essere utilizzato sulla sorgente, mentre il compressore può essere collegato in insert su un canale del mixer, ad esempio quello master. In studio potremo usare l’uscita diretta del preamplificatore per registrare una traccia pulita, mentre l’uscita principale verrà impiegata per registrare la sorgente processata. Tutto questo, mentre l’eventuale scheda di conversione analogico/digitale opera parallelamente come convertitore per sorgenti connesse agli ingressi ADC. Come dicevo, versatilità! Ogni modulo suona veramente bene, siamo di fronte ad uno strumento molto preciso nei dettagli quanto caratteriale se portato a settaggi estremi, quindi utile sia nelle registrazioni che richiedono la minima colorazione, sia come estensione dell’estro artistico dei produttori più creativi. Proprio per questo è difficile attribuirgli un ruolo limitato a specifici strumenti o applicazioni, provatelo e usatelo su tutto e non vi deluderà: voci, chitarre, bassi, synth, STEM, etc.. Le alte risultano fresche, non fastidiose, le basse rotonde e sinuose la sezione di dinamica vi soddisferà sia nelle più delicate operazioni di controllo dell’inviluppo, sia nella compressione più aggressiva del nuovo modo “Vintage”. Il Soft Limiter poi… Per concludere, segnalo la comodissima memorizzazione automatica allo spegnimento e il conseguente recall all’accensione di tutti i pulsanti/funzioni.

Sito Web del produttore: Focusrite.com
Per info/acquisto dell’ISA 430MKII: clicca qui
Scopri i nostri corsi: clicca qui
Servizi dell’Alar’s Recording Studio: clicca qui

FOCUSRITE ISA 430 MKII ALL’ALAR’S RECORDING STUDIO
Focusrite ISA430MKII Alar's Recording StudioPresso il nostro studio troverai due channel strip FOCUSRITE ISA 430 MKII utilizzabili sia per il tracking (registrazione) di sorgenti microfoniche, chitarre, bassi elettrici, synth, sia per il reamp e il mixaggio OTB grazie al link stereo dei processori di dinamica. In più, gli allievi dei nostri corsi (clicca qui per info) avanzati o individuali potranno utilizzarli durante le lezioni, per provare le differenti tipologie di pre-amplificazione, equalizzazione, compressione e i tool di dinamica disponibili negli studi di registrazione professionali. All'Alar' Recording Studio trovi una piattaforma UAD-2 con 24 DSP composta da tre Universal Audio Apollo 16 (clicca qui per info), una Apollo TWIN MKII Quad (clicca qui per info) e da una UAD2 Satellite Thunderbolt OCTO, con più di 100 plug-in che rappresentano lo stato dell’arte nell’emulazione di apparecchiature analogiche storiche (processori di segnale, equalizzatori, compressori, limiter, riverberi, delay, ecc..) utilizzabili su tutte le registrazioni, produzioni, mixaggi e mastering dei clienti dello studio e per tutti coloro che partecipano ai nostri corsi di computer music, fonia e produzione musicale. Non solo Universal Audio UAD2, presso il nostro studio sono disponibili numerosi channel-strip e processori analogici (Millenia, Avalon, Focusrite, API, Universal Audio, Tube Tech, Empirical Labs, Retro Instruments), pre-amplificatori a stato solido e valvolari, per un totale di ben 52 ingressi tutti pre-amplificati e con conversione A/D allo stato dell’arte. Troverai inoltre Waves Mercury Bundle e SSL 4000 Collection, Komplete Ultimate della Native Instruments, Izotope Ozone Advanced, Melodyne, reFX NEXUS, Lethal, Sylenth 1, etc..

DIFFERENZE TRA ISA 430 (MK1) E 430 MKII
Focusrite ISA 430 e l’ISA 430MKII (oggetto di questa mia recensione) impiegano gli stessi circuiti per gli stadi di pre-amplificazione, equalizzazione, compressione, gate e de-esser. Elementi distintivi della versione MKII sono i due modi di compressione Vintage Opto e VCA Limiter aggiuntivi alla classica VCA in classe A di casa Focusrite, la presenza del tasto “Air”, l’impedenza variabile dall’utente e l’ingresso line che passa anch’esso attraverso il tasformatore. Quest’ultima è una caratteristica derivata dal pre 4 canali ISA428, che ci permette di configurare l’impedenza del trasformatore di ingresso a 600 Ohm (Low), 1400Ω (ISA 110 usato nella versione MK1), 2400Ω (Med), oppure a 6800 Ohm (High). Inoltre, l’ISA 430 MKII utilizza un potenziometro a scatto per il Gain, offre calibrazione a +4dBu o +18dBu per il VU Meter, dispone della funzione “Blend” che permette di miscelare il segnale compresso a quello non compresso (compressione parallela) e un punto di insert in più per separare EQ e processori di dinamica. Per quanto concerne la scheda ADC opzionale, il 430MKII offre due configurazioni di sample rate in più (176.4 e 192KHz) e prestazioni migliori in termini di jitter e rumore.

Sito Web del produttore: Focusrite.com
Per info/acquisto dell’ISA 430MKII: clicca qui
Scopri i nostri corsi: clicca qui
Servizi dell’Alar’s Recording Studio: clicca qui




Corso Ableton Live DJing

ableton-live-djing

ALLIEVI CORSI PRODUCER

allievi-corsi-producer-dx

Cubase - Ableton Live - Logic

GENNAIO 2018 cbcm

LOOP, SAMPLES & PLUG-IN

Segui il Titolare su LinkedIn

linkedin-federico-simonazzi-alar

SEGUICI SU FACEBOOK

DAL NOSTRO YOUTUBE

Strumenti per DJ e Producer

akai-advance-promo

Banner Pubblicitario AdSense

SEGUICI SU TWITTER

Vai all'inizio della pagina

Copyright 1999-2017. All Rights Reserved, Tutti i Diritti Riservati.

Alar's Recording Studio di Simonazzi Federico - Parma - Italy - P.IVA 02115850345

Professionista di cui alla Legge n°4 del 14 gennaio 2013 pubblicata nella GU del 26/01/2013

Produzione/Informazione/Insegnamento in ambito musicale

Our Mission: To spread new technologies in DJs and Musicians Wor(l)ds

Tel/Fax +39 0521258446 - e-mail: studio@alarmusic.com - Web Site: http://www.alarmusic.com

 

www.corsidj.com - www.corsoabletonlive.com - www.studiodiregistrazione.info - www.studiodiregistrazione.pro

Il materiale presente in questo sito non può essere copiato, duplicato, venduto, o utilizzato in altri documenti, prodotti, ecc.

This material may not be sold, duplicated on other websites, incorporated in commercial documents or products, or used for promotional purposes.

Nel nostro sito troverai annunci pubblicitari e/o link pubblicati da terzi, con i quali NON abbiamo nessun rapporto di partnership diretta e/o controllo sugli annunci pubblicati.

Pertanto, quando accedi a siti esterni tramite link, o banner qui pubblicati, noi NON siamo responsabili del contenuto e/o dei servizi, o prodotti da essi offerti.

 

Per ulteriori informazioni consulta la

Privacy Policy