RISOLVERE PROBLEMI DI SPAZIO NELLA DAW COMPUTER BASED

COSA FARE NELLA NOSTRA DAW QUANDO LO SPAZIO SU HD o SDD FINISCE?

Negli ultimi anni, ai miei lettori, clienti, allievi e professionisti che supporto e seguo tecnicamente capita spesso che la memoria di massa del portatile esaurisca la disponibilità di spazio. Questo è prevalentemente dovuto all’acquisto di computer equipaggiati di drive SDD (clicca qui per leggere un articolo dedicato), in particolar modo nel mondo Apple, che visto il costo ancora importante rispetto ai tradizionali Hard Disk portano l’acquirente a scegliere un’opzione più conveniente che presenta però dei limiti sul fronte dello spazio disponibile. Il mio consiglio è quello di evitare di scegliere dei portatili che abbiano memorie di massa di dimensioni inferiori ai 512GB e di prediligere, budget permettendo, unità da almeno 1 terabyte (TB). Nel caso ci trovassimo di fronte all’esaurimento dello spazio di archiviazione disponibile, cosa dovremmo fare? In questo mio articolo tecnico pubblicato nella sezione Tips & Tricks del mio sito alarmusic.com, vi parlerò di come sia possibile liberare spazio dal disco principale, spostando del materiale su SD Card o dischi esterni permettendovi così di utilizzare senza remore il nostro computer per il nostro lavoro quotidiano di produttore musicale, DJ o musicista. 

COSA FARE QUANDO LO SPAZIO SU HD o SDD FINISCE?
Prima di tutto dovremo decidere di spostare tutto il materiale non indispensabile per il disco di sistema. Va da sé che le prime cartelle da spostare siano quelle delle librerie di loop e campioni audio di terze parti acquistati o raccolti nel tempo. Qui non vi è alcuna limitazione che ci imponga di farle risiedere all’interno del disco di sistema, specie se il nostro computer è di ultima generazione e rispetta le regole base per l’utilizzo professionale in campo audio (clicca qui per un mio articolo dedicato alla postazione DAW). Idem vale per l’eventuale libreria di iTunes, la quale può essere agilmente spostata su un disco esterno per poi collegarla al software tramite l’apposita impostazione “Posizione Cartella iTunes Media” che trovate nella finestra “Preferenze” del noto software, sotto la voce “Avanzate”.  Altra cosa che spesso si verifica se si possiede un device iOS è che all’interno del nostro computer rimangano archiviati i backup eseguiti nel tempo. Ecco un altro elemento da valutare quando ci troviamo al limite della disponibilità di spazio: cancellare i back-up di iPhone e iPad più obsoleti dal nostro computer e cominciare a gestirli esclusivamente su iCloud. Per chi usa MacOS dobbiamo considerare un altro particolare, che ho avuto modo di verificare personalmente: una volta che si attivano i backup Time Machine su un disco esterno, nell’arco di tempo che intercorre tra un backup e l’altro, ovvero fino alla connessione del disco designato, MacOS genera delle cosiddette “istantanee locali”. Nonostante Apple dichiari che teoricamente questo spazio non influisce sull’effettiva capienza, queste istantanee vengono salvate sul disco di sistema e in alcuni casi mi sono trovato di fronte ad uno spazio importante occupato dalle medesime; spazio che si liberava automaticamente una volta effettuato il backup. Se il disco di sistema ha problemi di capienza, se usiamo Time Machine e non è nelle nostre abitudini fare dei backup costanti sull’unità esterna designata, specie quando cancelliamo o spostiamo file di grandi dimensioni su altre unità disco, il mio consiglio è quello di disabilitare le istantanee locali, ovvero il backup automatico nelle preferenze di Time Machine.

Per l’acquisto di una SD Card da 512GB: clicca qui - da 1TB: clicca qui
Per l’acquisto di una pendrive USB 3 da 512GB: clicca qui - da 1TB: clicca qui
Per acquistare Hard Disk esterno USB 3, da 4TB, 7200 RPM: clicca qui
Per acquistare SSD, USB 3, esterno da 1TB: clicca qui 
da 2TB: clicca qui
Scopri i miei Corsi: clicca qui
I Servizi del mio Studio: clicca qui
Chi sono: clicca qui

FOTO GALLERY: RISOLVERE PROBLEMI DI SPAZIO NEI COMPUTER DAW

Click to enlarge image liberare-spazio-su-disco-Ableton-Live.jpg

Ableton Live: Preferenze>Library>Locazione dei Contenuti: “Locazione della libreria Utente” e “Cartella di Installazione dei Pack”. Click su “Sfoglia” per riposizionarle sulla memoria di massa che vogliamo usare come nuova location

Successivamente, come già trattato nel mio articolo dedicato alle memorie di massa nei computer destinati all’utilizzo come DAW – Digital Audio Workstation (clicca qui), passeremo allo spostamento delle wavetable e delle librerie di quei Virtual Instrument che ci consentano di destinarle ad una cartella differente rispetto a quella del software che va installato obbligatoriamente sul disco di sistema. Per farvi solo un paio di esempi, nella mia attuale libreria a corredo dei virtual instrument plug-in mi ritrovo REFX Nexus 3 (clicca qui per info) con i suoi circa 70GB di spazio, quella di Komplete Ultimate della Native Instrument 600GB, e così via. Vedremo nei capitoli a seguire come organizzare il tutto al meglio.

Altra possibilità che però non viene praticamente mai considerata, in quanto non vi è consapevolezza diffusa di poter intervenire su questo fronte, è lo spostamento delle librerie di samples e wavetable dei software DAW. Sul mio MacBook Pro ne ho installati tre: Ableton Live 10Apple Logic Pro X e Steinberg Cubase Pro 10.5. L’aver spostato i contenuti liberamente posizionabili di questi applicativi mi ha permesso di risparmiare in totale ben 165 GB sul disco di sistema! 78GB spostando i contenuti di Live, circa 25GB riallocando quelli di Cubase Pro e 62GB per Logic Pro. Il procedimento per ciascun software ve lo illustrerò passo a passo nei capitoli dedicati. Non vi sono elementi ostativi ad effettuare questo spostamento, le performance dei software non subiranno rallentamenti. Unica cosa che ho costatato con Ableton Live è che una volta avviato il software saranno necessari alcuni secondi in più prima di poter procedere all’utilizzo. 

HARD DISK, SD Card, PEN DRIVE, O ALTRO? 
Sul mio MacBook Pro ho optato per una SD Card inserita nell’apposito slot, mentre sul Mac Pro presente in studio ho scelto uno degli hard disk inseriti in uno chassis Thunderbolt come illustrato nell’articolo dedicato alle memorie di massa e all’organizzazione dei contenuti nelle postazioni DAW computer based (clicca qui). È di essenziale importanza, qualora optassimo per una riallocazione, che la memoria di massa utilizzata come base per questo materiale sia sempre collegata al computer quando lanciamo e usiamo i software e i plug-in, onde evitare problemi che vanno dalla banale comparsa di un messaggio di alert alla mancanza di contenuti all’interno del software, dal download e re-installazione automatica dei medesimi al mancato funzionamento dei programmi. 

Per l’acquisto di una SD Card da 512GB: clicca qui - da 1TB: clicca qui
Per l’acquisto di una pendrive USB 3 da 512GB: clicca qui - da 1TB: clicca qui
Per acquistare Hard Disk esterno USB 3, da 4TB, 7200 RPM: clicca qui
Per acquistare SSD, USB 3, esterno da 1TB: clicca qui 
da 2TB: clicca qui

COME SPOSTARE LA LIBRERIA DI STEINBERG CUBASE E NUENDO
Steinberg Library ManagerSteinberg Library Manager è un software che ci consente di spostare su un altro HD, SSD, SD card o pen drive tutte le librerie di suoni e le wavetable dei vari virtual instrument installate con i software Steinberg Cubase e Nuendo. Una volta aperto il software Steinberg Library Manager sul vostro computer PC o Mac, fate click sull’ingranaggio in alto a destra e impostate la nuova destinazione cliccando sulla cartella alla destra del campo “Library Default Location”. Vi basterà poi cliccare su “Move” per spostare una singola libreria dal disco di sistema alla nuova directory che selezionerete nella memoria di massa. Per lo spostamento massivo di più librerie nella nuova destinazione dovrete invece: prima spuntare (click nel quadrato che trovate alla sinistra di “Move”) tutte le librerie disponibili (o quelle che volete spostare), poi cliccare su uno qualsiasi dei pulsanti “Move”. Grazie a questo strumento gli utenti di Steinberg Cubase Pro possono liberare circa 25GB dal disco di sistema.

Scopri i miei Corsi: clicca qui
I Servizi del mio Studio: clicca qui
Chi sono: clicca qui

COME SPOSTARE LA LIBRERIA DI ABLETON LIVE
liberare-spazio-su-disco-Ableton-LiveSpostando le librerie di Live su una SD Card connessa allo slot dedicato del mio MacBook Pro ho liberato circa 80GB di spazio dal disco di sistema. Per procedere bisogna accedere alla finestra “Library” nelle “Preferenze” dove troveremo la sezione “Locazione dei Contenuti” che ci presenterà due voci: “Locazione della libreria Utente” e “Cartella di Installazione dei Pack”. Per entrambe siamo liberi di assegnare una cartella di destinazione differente rispetto a quella utilizzata di default, pertanto cliccando su “Sfoglia” potremo riposizionarle sulla memoria di massa che vogliamo usare come nuova location. Scelta la nuova destinazione dovremo attendere un po’ prima che l’operazione sia portata a termine. Abbiate pazienza… perché ci vorrà un po’ di tempo, non preoccupatevi se il software durante questa operazione sembra bloccato, è normale.   

COME SPOSTARE LA LIBRERIA DI LOGIC PRO
liberare-spazio-su-disco-Logic-Pro-bA partire dalla versione 10.4.2 rilasciata a fine Settembre 2018, Logic Pro permette di spostare liberamente la propria libreria di suoni. Il procedimento è estremamente semplice e richiede che la memoria di massa (HD, SSD o SD card) sia formatta in formato APFS o MacOS Extended (Journaled). Per procedere allo spostamento clicchiamo sul menù Logic Pro X, selezioniamo Sound Library e nel menù che compare scegliamo l’ultima voce Relocate Sound Library. Ci comparirà una finestrella che ci elencherà i dischi installati o collegati al nostro Mac e indicherà su quale di questi è situata attualmente la libreria. Qui dovremo selezionare la nuova destinazione, quindi cliccare sul pulsante “Relocate” per avviare il trasferimento. Portate pazienza fino a quando vi apparirà il messaggio che conferma l’avvenuto spostamento. Impostata la nuova directory, d’ora in avanti tutti i contenuti della libreria di Logic Pro che andremo a scaricare saranno posizionati in questa cartella. Lo stesso si può fare anche con MainStage, il percorso è il medesimo. 

Per l’acquisto di una SD Card da 512GB: clicca qui - da 1TB: clicca qui
Per l’acquisto di una pendrive USB 3 da 512GB: clicca qui - da 1TB: clicca qui
Per acquistare Hard Disk esterno USB 3, da 4TB, 7200 RPM: clicca qui
Per acquistare SSD, USB 3, esterno da 1TB: clicca qui 
da 2TB: clicca qui
Scopri i miei Corsi: clicca qui
I Servizi del mio Studio: clicca qui
Chi sono: clicca qui

COME SPOSTARE LA LIBRERIA DI REFX NEXUS 3
REFX Cloud per NexusREFX Cloud è l’applicazione che - a partire dalla versione 3 di Nexus (clicca qui per info) - ci consente una gestione semplificata di tutto ciò che concerne i download, l’installazione e gli aggiornamenti del plug-in e delle sue librerie. Cliccando sull’icona raffigurante un ingranaggio collocata in alto nell’angolo destro della schermata di questo tool possiamo accedere alle impostazioni, dove, alla voce “Library Folders” potremo impostare il percorso, quindi memoria di massa e cartella dove andare a posizionare le librerie dello strumento virtuale REFX Nexus 3 (clicca qui per info)

COME SPOSTARE LA LIBRERIA DI NATIVE INSTRUMENTS KOMPLETE
liberare-spazio-su-disco-Native-AccessL’azienda tedesca Native Instrument è stata una delle prime ad adottare un software che consenta all’utente di avere sottocchio in unico ambiente una visione completa di quelli che sono i software e le librerie acquistate, permettendo altresì al suo interno la gestione di operazioni quali l’autorizzazione, il download, l’installazione, l’aggiornamento, la riparazione e il ripristino di ogni singolo applicativo o libreria, anche in modo massivo. Dal “vecchio” NI Service Center si è passati all’evoluto Native Access, nel quale possiamo impostare le varie directory per Download (dove vengono scaricati i file di installazione), Application (dove vengono installati i software) e Content. Quest’ultima cartella è quella che ci interessa, dato che ci permette di assegnare una destinazione dedicata alle librerie di suoni, samples e ai contenuti aggiuntivi. 

COME SPOSTARE LA LIBRERIA WAVES
liberare-spazio-su-disco-waves-centralI plug-in di effettistica hanno un peso relativo e sappiamo che variarne la cartella di installazione rispetto a quella di sistema non solo può originare dei problemi, ma la maggior parte delle volte non è consentito. Nel caso degli Waves lo spazio necessario sul disco di sistema è di 8GB, escluse però le librerie dei virtual instrument che Waves produce da alcuni anni. Ecco che nel Waves Central, applicativo omologo a quelli visti in precedenza, sarà possibile destinare le librerie di suoni su un’altra memoria di massa. Questa impostazione è reperibile cliccando sull’icona raffigurante un ingranaggio collocata in basso nella colonna a sinistra della schermata, che ci darà accesso alla voce “Locations” dove nel campo “Sample Libraries Data Folder” potremo scegliere la memoria di massa e relativa cartella dove collocare questi contenuti. Segnalo inoltre che in fase di installazione dei virtual instrument è possibile decidere se scaricare la versione SD o HD della libreria, oppure entrambe. Quella SD (Standard) è in formato OGG, viene installata di default e occupa circa la metà di spazio rispetto a quella HD (High Quality) che è in formato FLAC. Ad esempio, si potrebbe optare per l’installazione di quella SD sul portatile che usiamo per produrre in mobilità o abbozzare demo, quella HD sul computer dello studio. Se abbiamo già installato le librerie in precedenza, basterà prima spostarle nella cartella desiderata, poi entrare nelle impostazioni del singolo strumento per aggiornare il percorso, quindi aprire il Waves Central per modificare la cartella di installazione in modo tale che in futuro questa diventi la directory di destinazione per tutte le librerie dei virtual instrument Waves e i rispettivi aggiornamenti. 

Scopri i miei Corsi: clicca qui
I Servizi del mio Studio: clicca qui
Chi sono: clicca qui

CONCLUSIONI
Sia nell’SD Card costantemente inserita nell’apposito slot del mio portatile, sia su uno dei dischi Thunderbolt esterni che ho connessi al computer fisso in studio di registrazione ho destinato tutti i percorsi di destinazione visti in questo mio articolo, ma anche le wavetable di tanti altri software e plug-in. Questo mi ha permesso di liberare una quantità di spazio notevole dagli SSD di sistema integrati nei due computer, quindi di avere più respiro e maggior stabilità anche in futuro. 

Per l’acquisto di una SD Card da 512GB: clicca qui - da 1TB: clicca qui
Per l’acquisto di una pendrive USB 3 da 512GB: clicca qui - da 1TB: clicca qui
Per acquistare Hard Disk esterno USB 3, da 4TB, 7200 RPM: clicca qui
Per acquistare SSD, USB 3, esterno da 1TB: clicca qui 
da 2TB: clicca qui

federico simonazzi aprile 2020 studio di registrazioneScopri i miei Corsi: clicca qui
I Servizi del mio Studio: clicca qui
Chi sono: clicca qui


Lascia un commento

Per info e domande su questo articolo: NON telefonare, NON inviare e-mail. Usa il campo commenti a seguire.



Articoli correlati (da tag)

Amazon Music

LOOP, SAMPLES & PLUG-IN

Segui il Titolare su LinkedIn

linkedin-federico-simonazzi-alar

SEGUICI SU FACEBOOK

DAL NOSTRO YOUTUBE

Strumenti per DJ e Producer

adv akai professional midi controller eko

Vai all'inizio della pagina

Copyright 1999-2020. All Rights Reserved, Tutti i Diritti Riservati.

Alar's Recording Studio di Simonazzi Federico - Parma - Italy - P.IVA 02115850345

Professionista di cui alla Legge n°4 del 14 gennaio 2013 pubblicata nella GU del 26/01/2013

Produzione/Informazione/Insegnamento in ambito musicale

Our Mission: To spread new technologies in DJs and Musicians Wor(l)ds

Tel/Fax +39 0521258446 - e-mail: studio@alarmusic.com - Web Site: http://www.alarmusic.com

www.corsidj.com - www.corsoabletonlive.com - www.studiodiregistrazione.info - www.studiodiregistrazione.pro

Il materiale presente in questo sito non può essere copiato, duplicato, venduto, o utilizzato in altri documenti, prodotti, ecc.

This material may not be sold, duplicated on other websites, incorporated in commercial documents or products, or used for promotional purposes.

Nel nostro sito troverai annunci pubblicitari e/o link pubblicati da terzi, con i quali NON abbiamo nessun rapporto di partnership diretta e/o controllo sugli annunci pubblicati.

Pertanto, quando accedi a siti esterni tramite link, o banner qui pubblicati, noi NON siamo responsabili del contenuto e/o dei servizi, o prodotti da essi offerti.

Per ulteriori informazioni consulta

Privacy Policy

Cookie Policy