LOGIC PRO X: USO DI STRUMENTI MULTI TIMBRICI SU TRACCE SEPARATE

Configurazione multi-output degli strumenti virtuali multitimbrici in Logic Pro X. Esempi con Drum Kit Designer, Kontakt e Structure

La multi timbricità in uno strumento musicale elettronico è la capacità di riprodurre contemporaneamente più suoni (piano, lead, basso, etc..) controllabili, suonabili da canali MIDI separati/differenti: un canale MIDI per ogni suono. Nell’uso in studio di registrazione, oltre alla necessità di registrare e comporre su tracce separate le parti MIDI che i singoli suoni (patch) caricati nella “multi” dello strumento eseguiranno, vi è l’esigenza di gestire su canali audio separati quanto da questi strumenti viene tradotto in suono, ovvero l’audio da essi generato. Negli esempi a seguire affronterò 3 diverse situazioni, dalla più semplice che vede l’impiego di un plug-in di batteria, il Drumkit Designer recentemente introdotto in Logic PRO X, nel quale i suoni sono già separati da un punto di vista di controllo MIDI, in quanto mappati, assegnati singolarmente uno ad uno a diverse note della tastiera, all’impiego di un sampler/expander multi-timbrico come Structure della Air Music Tech per il quale dovremo creare sia tracce MIDI, sia canali audio separati per ogni parte della multi. In più, per concludere, vi illustrerò la configurazione in multi-output del virtual instrument  Native Instruments Kontakt, nel quale si aggiunge uno step ulteriore in quanto offre un routing interno differente rispetto ai classici plug-in multi-timbrici.

 

RICAPITOLANDO:

  1. Multi-timbrico: strumento capace di suonare suoni differenti in contemporanea
  2. Ognuno di questi suoni deve essere pilotabile da un canale MIDI dedicato, quindi registrabile su una traccia separata.
  3. L’audio di questi suoni può essere indirizzato ad un’uscita, o canale audio del mixer dedicato

 

DRUMKIT DESIGNER IN MODALITÀ MULTI OUTPUT

  1. Crea una traccia “Software Instrument”
  2. Carica sulla traccia la versione “Multi Output” di Drumkit Designer
  3. Vai nel mixer di Logic. Se non è visualizzato premi contemporaneamente i tasti “Cmd” e “2”.
  4. Clicca sul “+” presente sotto il meter del canale audio dedicato al main out del virtual instrument Drumkit Designer nel mixer di Logic per tot volte tante quanti sono i canali separati che ti occorrono. Ogni click di mouse sul “+” aggiungerà un canale audio nel mixer al quale il programma assegnerà automaticamente il nome dello strumento ad esso indirizzato. 

GALLERY DRUMKIT DESIGNER IN MODO MULTI-OUT IN LOGIC

 

ESEMPIO DI CONFIGURAZIONE “MULTI” CON AIR MUSIC TECH STRUCTURE

structureStructure della Air Music Tech (clicca qui per info) è una classica riproduzione virtuale di un expander hardware MIDI multi-timbrico del passato (ad esempio, sullo stile del Roland XV-5080, clicca qui per info), basato su wavetable con funzionalità di campionamento, che offre la possibilità di caricare e riprodurre samples nei formati SampleCell, Kontakt e EXS24, in aggiunta alla ricca libreria di suoni (campioni) pronti all’uso forniti in dotazione (circa 40GB). La configurazione di questo strumento virtuale in modalità “Multi” è estremamente semplice e consiste in questi passaggi che vi elenco a seguire.

  1. Crea una traccia “Software Instrument” in Logic Pro X
  2. Carica sulla traccia di Logic la versione “Multi Output” dello strumento che vuoi usare.
  3. Aggiungi nella “Multi” di Structure gli strumenti (patch) che ti occorrono. Nell’esempio illustrato a seguire procedo caricandone 3; quindi, per ben due volte procedo così: click sulla voce di menù “Patch”, seleziono “Add Patch”, poi click su “Empty Patch”.  NB: In automatico, ogni patch viene assegnata al successivo canale MIDI libero e disponibile. Procediamo caricando su ciascuna patch il suono, lo strumento che vogliamo ad essa attribuire, quindi che suoneremo via MIDI mediante una traccia dedicata presente nel progetto di Logic Pro X.
  4. Vai nel mixer di Logic. Se non è visualizzato premi contemporaneamente i tasti “Cmd” e “2”.
  5. Clicca sul “+” presente sotto il meter del canale audio dedicato al main out del virtual instrument Structure nel mixer di Logic per tot volte tante quanti sono i canali separati che ti occorrono. Ogni click di mouse sul “+” aggiungerà un canale audio nel mixer al quale potrai indirizzare individualmente le parti (suoni) usate nello strumento virtuale. Aggiunti i canali audio nel mixer, rinominali usando un appellativo che ti faccia facilmente ricordare cosa arriva loro in ingresso; ad esempio, nominali con la categoria dello strumento usato: basso, batteria, lead, chitarra, archi, etc.. 
  6. Ora dovrai creare le tracce MIDI separate nel tuo progetto al fine di suonare/controllare e quindi registrare le singole parti caricate nel virtual instrument Air Music Tech Structure in modo indipendente. Seleziona nel mixer i canali audio creati nel passaggio precedente: clicca sul primo poi sui successivi mentre tieni premuto il tasto “Shift”. Clicca con il tasto destro (CTRL + Click) e poi su “Create Track” nel pop-up che ti comparirà  a schermo. In alternativa, usa lo shortcut  “CTRL + T”. Terminata l’operazione ti ritroverai ogni patch (differente strumento) caricata nella tua multi di Structure suonabile da una traccia MIDI dedicata.
  7. Adesso devi indirizzare l’audio  generato da ogni patch/parte ad uno dei canali audio dedicati del mixer creati al punto “E”. Per farlo, devi configurare l’uscita adeguata nel menù a tendina che trovi nell’angolo in basso a destra del display di ogni patch in corrispondenza della voce “Audio Out”. Ad esempio, se nel canale del mixer vedrai comparire nel campo “Input” la scritta “Structure 3 e 4”, questa corrisponde all’uscita “2” di Structure, “Structure 5 e 6” all’uscita “3” e così via…
  8. Ora potrai intervenire individualmente sul suono generato da ogni patch con regolazioni di volume, pan, applicazione di effetti in insert e mandata all’interno del canale dedicato nel mixer della DAW Logic Pro X.

GALLERY AIR MUSIC TECH STRUCTURE MODO MULTI-OUT IN LOGIC

Click to enlarge image logic-pro-x-multi-structure-001.jpg

Aggiungi Traccia Instrument nel progetto di Logic PRO X

 

 

PROCEDIMENTO DI CONFIGURAZIONE “MULTI” DI KONTAKT  IN LOGIC PRO X

kontaktCroce e delizia del mondo musicale moderno, Kontakt della Native Instruments è il campionatore virtuale più usato (o abusato) uno dei pochi che ha resistito al potenziarsi degli strumenti virtuali wavetable based grazie alle innumerevoli librerie disponibili, che coprono qualsivoglia esigenza sonora, strumento e genere musicale.

 

 

  1. Crea una traccia “Software Instrument
  2. Carica sulla traccia di Logic la versione “Multi Output” dello strumento che vuoi usare.
  3. Nello strumento virtuale apri le varie “parti”, cioè i differenti strumenti (patch, o suoni) che ti occorrono. Solitamente, gli strumenti virtuali assegnano automaticamente alle parti un canale MIDI dedicato. Assicurati che ciò avvenga anche nel tuo caso, in alternativa procedi a configurare ogni patch, ogni suono affinché riceva i dati MIDI da un canale MIDI univoco.
  4. Idem andrà fatto, e questo è proprio argomento di questo articolo, per le uscite audio, ovvero ogni patch andrà indirizzata ad un canale separato del mixer di Logic Pro X per consentirci di regolare e processare individualmente i vari strumenti. In particolare, per il virtual instrument Native Instruments Kontakt è richiesto un ulteriore passaggio, ossia la configurazione interna delle sue uscite multiple. Per semplificare, una volta caricate tutte le parti e rispettive patch (punto C) procediamo andando nella parte inferiore della schermata di Kontakt, per poi cliccare su “”Batch Function” e poi su “Clear Output Section And Create Individual Channel for each Loaded Instrument”. N.I. Kontakt creerà un’uscita audio separata omonima per ciascuna parte, che automaticamente assegnerà alla parti stesse (strumenti).
  5. Vai nel mixer di Logic. Se non è visualizzato premi contemporaneamente i tasti “Cmd” e “2”.
  6. Clicca sul “+” presente sotto il meter del canale audio dedicato al virtual instrument di cui sopra nel mixer di Logic per tot volte tante quanti sono i canali separati che ti occorrono. Ogni click di mouse sul “+” aggiungerà un canale audio nel mixer al quale potrai indirizzare individualmente le parti usate nello strumento virtuale. Aggiunti i canali audio nel mixer, rinominali usando un appellativo che ti faccia facilmente ricordare cosa arriva in ingresso al tal canale; ad esempio, la categoria dello strumento usato: basso, batteria, lead, chitarra, archi, etc.. 
  7. Ora dovrai creare le tracce MIDI per il tuo progetto, al fine di suonare e registrare le singole parti caricate nel virtual instrument su tracce separate ed indipendenti. Seleziona nel mixer i canali audio creati nel passaggio precedente: clicca sul primo poi sui successivi mentre tieni premuto il tasto “Shift”. Clicca con il tasto destro (CTRL + Click) e poi su “Create Track” nel pop-up che ti comparirà  a schermo. In alternativa, usa lo shortcut  “CTRL + T”.
  8. Terminata l’operazione ti ritroverai ogni patch (differente strumento) caricata nella tua multi di Kontakt suonabile/registrabile da/su una traccia MIDI dedicata e il segnale audio da essa generato verrà inviato ad un canale dedicato del mixer di Logic Pro X attraverso il quale potrai intervenire con regolazioni di volume, pan, applicazione di effetti in insert e mandata.

 

GALLERY N.I. KONTAKT IN MODO MULTI-OUT IN LOGIC

Click to enlarge image logic-pro-x-multi-kontakt-001.jpg

Aggiungi Traccia Instrument nel progetto di Logic PRO X

 

Siti web dei prodotti e brand citati in quest’articolo:

http://www.airmusictech.com

http://www.native-instruments.com

https://www.apple.com/logic-pro

 

I CORSI DELL'ALAR’S RECORDING STUDIO DI SIMONAZZI FEDERICO

Corso Computer Music all'Alar's Recording Studio di Parma

Per info sul nostro Corso Base di Mixaggio per DJ: clicca qui

Pubblicato in: Tutorial, Tips & Tricks

3 commenti

  • Lello

    inviato da Lello

    Martedì, 07 Novembre 2017 23:20

    Ciao, tutto chiarissimo, io uso Kontakt in modalità Multi-Output, avrei 2 domande da farti: Perché in multi-output in Logic il virtual instrument non si può freezare e quanto questo pesa sulla CPU?
    Seconda domanda: C'è un modo in Multi-Output di abilitare il comando rec a due tracce contemporaneamente e se non si può come mai?
    Grazie mille!!!

    Rapporto
  • Alarmusic

    inviato da Alarmusic

    Martedì, 16 Giugno 2015 21:00

    Ciao Francisco,
    il tuo problema poco centra con l’argomento di questo articolo. Le impostazioni sulle quali devi intervenire sono infatti a monte della DAW, del software e vanno applicate nell’hardware. Devi fare in modo che il modulo di trasduzione “trigger to MIDI” che stai usando generi dei messaggi di nota MIDI adeguati allo strumento software che vuoi usare. In altre parole, che ogni trigger origini una nota MIDI utile alla riproduzione del suono nel software, quindi la stessa nota MIDI sulla quale il suono che vuoi riprodurre è stato assegnato (mappato come si dice in gergo). Consulta pertanto il manuale del tuo modulo alla voce impostazioni della nota MIDI, verifica su quale nota MIDI si trova il suono che vuoi suonare nel software e procedi alla configurazione nel modulo.

    PS: nel ns canale youtube e anche in questo sito trovi vari articoli e video dedicati a batterie con trigger/pad dove si parla di questo tipo di configurazione. Ad esempio: http://goo.gl/JJHBDS e qui http://goo.gl/nWxvAf

    Rapporto
  • Francisco

    inviato da Francisco

    Domenica, 14 Giugno 2015 08:37

    Ciao, io ho un problema forse simile che ho cercato di risolvere attraverso questo articolo ma non ci sono riuscito.. Magari puoi darmi qualche consiglio!
    Quello che devo fare è semplice, ho una batteria con dei trigger montati e vorrei assegnare ad ogni pezzo della batteria un determinato suono, questi collegamenti passano per una centralina trigger i/o. Non riesco a capire come inpostarlo..sono riuscito solo a creare una traccia software e ad associargli uno strumento esterno, ma i suoni dei vari pad rispondono tutti in una singola traccia..
    Grazie in anticipo!!!

    Rapporto

Lascia un commento

Per info e domande su questo articolo: NON telefonare, NON inviare e-mail. Usa il campo commenti a seguire.



Articoli correlati (da tag)

Sonarworks Reference

sonarworks adv speaker correction

Cubase - Ableton Live - Logic

cbcm ottobre 2018

LOOP, SAMPLES & PLUG-IN

Segui il Titolare su LinkedIn

linkedin-federico-simonazzi-alar

SEGUICI SU FACEBOOK

DAL NOSTRO YOUTUBE

Strumenti per DJ e Producer

adv akai professional midi controller eko

Banner Pubblicitario AdSense

SEGUICI SU TWITTER

Vai all'inizio della pagina

Copyright 1999-2018. All Rights Reserved, Tutti i Diritti Riservati.

Alar's Recording Studio di Simonazzi Federico - Parma - Italy - P.IVA 02115850345

Professionista di cui alla Legge n°4 del 14 gennaio 2013 pubblicata nella GU del 26/01/2013

Produzione/Informazione/Insegnamento in ambito musicale

Our Mission: To spread new technologies in DJs and Musicians Wor(l)ds

Tel/Fax +39 0521258446 - e-mail: studio@alarmusic.com - Web Site: http://www.alarmusic.com

www.corsidj.com - www.corsoabletonlive.com - www.studiodiregistrazione.info - www.studiodiregistrazione.pro

Il materiale presente in questo sito non può essere copiato, duplicato, venduto, o utilizzato in altri documenti, prodotti, ecc.

This material may not be sold, duplicated on other websites, incorporated in commercial documents or products, or used for promotional purposes.

Nel nostro sito troverai annunci pubblicitari e/o link pubblicati da terzi, con i quali NON abbiamo nessun rapporto di partnership diretta e/o controllo sugli annunci pubblicati.

Pertanto, quando accedi a siti esterni tramite link, o banner qui pubblicati, noi NON siamo responsabili del contenuto e/o dei servizi, o prodotti da essi offerti.

Per ulteriori informazioni consulta la
Privacy Policy